CITTADINANZA - Revoca della cittadinanza

Le modifiche introdotte dal d.l. 113/2018

Approfondimento di R. Calvigioni

Le modifiche introdotte dal d.l. 113/2018

Il decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, convertito nella legge 1° dicembre 2018, n. 132, all’art. 14 ha introdotto disposizioni in materia di acquisizione e revoca della cittadinanza, che modificano ed integrano la legge 91/1992.

È stato aggiunto alla legge 91/1992 l’art. 10-bis, che prevede un’importante innovazione, la revoca della cittadinanza, istituto finora sconosciuto in tutte le normative in materia di cittadinanza:

“Art. 10-bis – 1. La cittadinanza italiana acquisita ai sensi degli articoli 4, comma 2, 5 e 9, è revocata in caso di condanna definitiva per i reati previsti dall’articolo 407, comma 2, lettera a), n. 4), del codice di procedura penale, nonché per i reati di cui agli articoli 270-ter e 270-quinquies.2, del codice penale. La revoca della cittadinanza è adottata, entro tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna per i reati di cui al primo periodo, con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell’interno”.

Occorre subito chiarire che la revoca della cittadinanza in questione non riguarda il caso dell’adottato al quale sia stata revocata l’adozione per fatti al medesimo imputabile: si tratta di ipotesi già disciplinata dalla legge 91/1992 che prevede la perdita della cittadinanza italiana, sempre che l’interessato sia in possesso di altra cittadinanza o la riacquisti (art. 3, c. 3, legge 91/1992). Tale fattispecie rientra tra le ordinarie ipotesi di perdita della cittadinanza italiana che il legislatore del 1992 aveva previsto, nel rispetto dei principi fondamentali della stessa legge, tanto che la perdita della cittadinanza è condizionata dal fatto che l’interessato conservi o riacquisti altra cittadinanza, al fine di evitare che possano verificarsi casi di apolidia.

>> CONTINUA A LEGGERE

Per approfondimenti:

[libprof code=”20″ mode=”inline”]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.