DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - Semplificazione amministrativa

Procure rilasciate all’estero – autenticazione della firma – traduzione in lingua italiana – legalizzazione del documento da parte del Consolato italiano – necessità

Oltre all’autenticazione della firma da parte dell’autorità preposta a tale funzione nel luogo di residenza del conferente (secondo la lex loci), per le procure rilasciate all’estero si rende necessaria, oltre alla traduzione in lingua italiana, la legalizzazione del documento da parte dei competenti uffici consolari italiani (cfr. art. 33, commi 2 e 3, del d.P.R. n. 445 del 2000) ovvero, qualora si tratti di Paese che ha ratificato la Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961, resa esecutiva in Italia con legge n. 1253 del 1966, quanto meno la formalità della c.d. apostille.

Continua a leggere la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.