Questo articolo è stato letto 40 volte

In primo piano

DOCUMENTI AMMINISTRATIVI - Procedimento amministrativo avviato su istanza di parte

La corretta applicazione del principio tempus regit actum comporta che l’Amministrazione debba tener conto anche delle modifiche normative intervenute durante l’iter procedimentale

La corretta applicazione del principio tempus regit actum comporta che l’Amministrazione debba tener conto anche delle modifiche normative intervenute durante l’iter procedimentale, non potendo al contrario considerare l’assetto “cristallizzato” una volta per tutte alla data dell’atto che vi ha dato avvio (Consiglio di Stato, sez. IV, 4 novembre 2011, n. 5854). Conseguentemente, la legittimità del provvedimento adottato al termine di un procedimento ad istanza di parte va valutata con riferimento alle norme vigenti al tempo in cui è stato adottato il provvedimento finale e non a quello della presentazione dell’istanza (Consiglio di Stato, sez. V, 10 gennaio 2012, n. 34).

>> T.A.R. Lazio, Roma, sez. I Ter, 8 settembre 2021, n. 9585

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *