ANAGRAFE- STRANIERI - L’istruttoria ai fini del riconoscimento del diritto di soggiorno permanente (parte 1)

Gli adempimenti dell'ufficiale d'anagrafe

Approfondimento di W. Damiani

L’accertamento delle condizioni che comportano l’acquisizione del diritto di soggiorno permanente per il cittadino e per i familiari aventi cittadinanza dell’Unione Europea è svolta dal comune di residenza e si formalizza con il rilascio dell’attestazione di soggiorno permanente.
Per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, l’accertamento dei requisiti è di competenza della questura e viene finalizzato con il rilascio della “carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei”.
Per effettuare la verifica circa l’effettiva acquisizione del diritto di soggiorno permanente da parte del cittadino dell’Unione, il comune e in particolare l’ufficiale d’anagrafe deve procedere, sulla base della documentazione fornita dall’interessato ed eventualmente acquisita d’ufficio, ad una ricostruzione storica del soggiorno del cittadino sul territorio italiano.

> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

Per maggiori approfondimenti ti consigliamo:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.