CITTADINI STRANIERI - Italia prima tra i Paesi UE per acquisizioni di cittadinanza

Lo studio della Fondazione Ismu

L’ultimo dato disponibile, relativo al 2020, ha segnato 132mila acquisizioni, in crescita per il secondo anno consecutivo nonostante sia stato un anno pandemico e di maggior rallentamento delle attività istituzionali. Inoltre, nonostante si tratti di un valore numericamente lontano dal record che per l’Italia era stato di 202mila acquisizioni durante il 2016, il nostro Paese registra secondo il dato più recente comunque il valore più elevato fra tutti gli stati europei, davanti alla Spagna con 126mila, e dopo i secondi posti del 2018 e del 2019 (allora dietro alla Germania).

Solo considerando gli ultimi 15 anni si tratta in totale di 1,5 milioni di persone che da straniere sono divenute italiane, ad un ritmo peraltro crescente e superiore alla media negli anni più recenti.

Delle 132mila acquisizioni di cittadinanza avvenute durante il 2020, quelle per residenza sono state 66mila, poco più della metà del totale (50,2%); quelle per matrimonio 14mila, pari al 10,7% del totale; quelle per altri motivi 52mila (39,1%).

Fonte: www.ismu.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.