CITTADINANZA - Concessione della cittadinanza italiana

Integrazione dello straniero nella comunità nazionale – valutazione discrezionale riguardante molteplici profili – sussiste

Ai sensi dell’articolo 9, comma 1, lettera f), della legge n. 91 del 1992, la cittadinanza italiana può essere concessa allo straniero che risieda legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica.
La norma attribuisce all’Amministrazione un potere ampiamente discrezionale, che si esplica in un potere valutativo circa la avvenuta integrazione dello straniero nella comunità nazionale sotto molteplici profili.
In particolare, la discrezionalità non può che tradursi in un apprezzamento di opportunità circa lo stabile inserimento dello straniero nella comunità nazionale, sulla base di un complesso di circostanze, atte a dimostrare l’integrazione del soggetto interessato nel tessuto sociale, sotto il profilo delle condizioni lavorative, economiche, familiari e di irreprensibilità della condott.

Continua a leggere la sentenza

 

PER APPROFONDIRE

Consiglio di Stato sez. VI, 9 novembre 2011, n. 5913

Consiglio di Stato sez. VI, 10 gennaio 2011, n. 52

Consiglio di Stato, sez.VI, 26 gennaio 2010, n. 282

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.