Questo articolo è stato letto 3 volte

CITTADINI STRANIERI - Corte di Cassazione 6 luglio 2009, n. 15836

Il decreto di espulsione adottato ai sensi dell'art.13, c.2, del TU immigrazione, non deve costituire oggetto di convalida, né è previsto che la sua pronuncia sia subordinata alla previa instaurazione del contraddittorio, essendo il diritto di difesa ampiamente ed incisivamente tutelato, mediante l'opposizione disciplinata dagli artt.13 e 13bis del citato TU

Il decreto di espulsione adottato ai sensi dell’art. 13, c. 2, del TU immigrazione, non deve costituire oggetto di convalida, né è previsto che la sua pronuncia sia subordinata alla previa instaurazione del contraddittorio, essendo il diritto di difesa ampiamente ed incisivamente tutelato, mediante l’opposizione disciplinata dagli artt. 13 e 13 bis  del citato TU

Testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *