Questo articolo è stato letto 4 volte

CITTADINI STRANIERI - Bandi Fei 2010, 944 i progetti presentati

È il numero delle proposte relative ai 6 avvisi pubblici del Programma annuale del Fondo pervenute entro il termine del 4 marzo. Il totale delle risorse stanziate è di 13.500.000 euro

Sono 944 i progetti a valere sui 6 avvisi pubblici relativi al Programma annuale 2010 del Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi (Fei) presentati entro il termine del 4 marzo, per un ammontare di risorse stanziate pari a 13.500.000 euro.

Tutta telematica la procedura di inoltro delle proposte progettuali: i soggetti proponenti, dotati di casella di posta elettronica certificata (PEC) e firma digitale, le hanno trasmesse tramite il sito www.fondieuropeiimmigrazione.it, predisposto dal ministero dell’Interno.

Questa la ripartizione dei progetti pervenuti in relazione alle azioni oggetto dei 6 avvisi, pubblicati il 29 novembre scorso:

  • 226 progetti presentati sull’azione 1: ‘Formazione linguistica, orientamento civico, orientamento al lavoro e formazione professionale’ (dotazione finanziaria pari a 3.000.000 euro);
  • 267 progetti presentati sull’azione 2: ‘Progetti giovanili’ (dotazione finanziaria pari a 3.500.000 euro);
  • 119 progetti presentati sull’azione 3: ‘Azioni di sensibilizzazione, di informazione e comunicazione’ (dotazione finanziaria pari a 1.000.000 euro);
  • 199 progetti presentati sull’azione 4: ‘Iniziative di mediazione sociale e promozione del dialogo interculturale’ (dotazione finanziaria pari a 3.800.000 euro);
  • 93 progetti presentati sull’azione 5: ‘Programmi innovativi per l’integrazione’ (dotazione finanziaria pari 1.000.000 euro);
  • 40 progetti presentati sull’azione 7: ‘Capacity building: costituzioni di strutture e reti di intervento’ (dotazione finanziaria pari a 1.200.000 euro).

La maggiorparte delle proposte è stata presentata nel Lazio, seguito da Campania, Sicilia e Lombardia, secondo la seguente ripartizione per regione:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fonte: www.interno.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *