Questo articolo è stato letto 174 volte

ANAGRAFE- STATO CIVILE - Verso una più libera circolazione degli atti stranieri alla luce del Regolamento U.E. 2016/1191

Uno studio del Consiglio Nazionale del Notariato

Segnaliamo un interessante studio del Consiglio Nazionale del Notariato dal titolo “Verso una più libera circolazione degli atti stranieri alla luce del Regolamento U.E. 2016/1191: nuovi casi di esenzione dall’obbligo della Legalizzazione ed Apostille“.

Nel sistema delle fonti sempre più spazio è riservato alle norme di derivazione comunitaria. Il Regolamento U.E. 2016/1191 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 luglio 2016 (applicabile a partire dal 16 febbraio 2019), allo scopo di favorire una più rapida e semplice circolazione di taluni documenti pubblici, e relative copie autentiche, (per esempio un certificato di nascita, matrimonio, morte, ma sul punto si tornerà oltre) provenienti da un’autorità di uno Stato membro, prevede l’esclusione dall’obbligo della relativa legalizzazione/apostille. Se si dovesse individuare una parola ricorrente nell’intero corpo regolamentare essa sarebbe “semplificazione”.

>> CONSULTA LO STUDIO DEL NOTARIATO


FORMAZIONE

L’anagrafe alle prese con la pandemia
Novità e approfondimenti

Giovedì 10 dicembre 2020, ore 10.00-13.00
 image_2020_04_21T07_17_35_190Z

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *