STATO CIVILE - Trascrizione dei matrimoni e delle unioni civili dall’estero. La trascrizione dall’estero a pieno regime della legge 76/2016

Approfondimento di R. Calvigioni

L’emanazione ed entrata in vigore dei d.lgs. n. 5/2017 e n. 7/2017, entrambi del 19 gennaio 2017, segnarono il passaggio alla fase definitiva di applicazione della legge 76/2016: in particolare, il legislatore del decreto n. 7 introdusse rilevanti modifiche alla legge 218/1995 proprio nella parte relativa al riconoscimento e trascrizioni delle unioni tra persone dello stesso sesso avvenute all’estero, addirittura prevedendo un duplice disposizione.
In merito alla trascrizione dei matrimoni omosessuali avvenuti all’estero, viene aggiunto l’art. 32-bis alla l. 218/1995 per riaffermare che il matrimonio contratto all’estero da cittadini italiani con persona dello stesso sesso, produce gli effetti dell’unione civile regolata dalla legge italiana: si tratta di disposizione che rispetta pienamente il dettato della l. 76/2016 e favorisce indubbiamente la trascrizione dei matrimoni avvenuti all’estero che avranno l’efficacia dell’unione civile. La disposizione si riferisce a tutte le ipotesi in cui un cittadino italiano avesse contratto all’estero matrimonio con cittadino straniero e non lascia adito a dubbi di alcun genere: gli effetti di quel vincolo sorto all’estero saranno esclusivamente quelli dell’unione civile. Questo significa che, come pure è previsto, la trascrizione del matrimonio avverrà nel registro delle unioni civili, a norma dell’art. 63 c. 2 lett. c) e c-bis) del d.P.R. 396/2000, e dell’art. 134-bis c. 3 lett. a) del r.d. 1238/1939: dunque, il legislatore ha precisato non solo che gli effetti saranno quelli dell’unione civile, ma anche che la trascrizione avverrà nel registro delle unioni civili, secondo la formula n. 193-quinquies del d.m. 27 febbraio 2017 e che tale unione dovrà essere annotata a margine dell’atto di nascita utilizzando la formula n. 139-bis dello stesso d.m. 27 febbraio 2017, il cui testo indica semplicemente cheè stata costituita unione civile, senza alcun richiamo al matrimonio contratto all’estero, né altre possibili opzioni riportate nel formulario ministeriale né utilizzo di una terminologia diversa.

>> Continua a leggere l’articolo

PER APPROFONDIRE

 

Il regolamento dello stato civile

Il regolamento dello stato civile

Il volume affronta la disciplina della formazione e tenuta dei registri di stato civile, seguendo l’articolato del d.P.R. 396/2000. Per affrontare correttamente le procedure e gli adempimenti che l’ufficiale dello stato civile è chiamato a svolgere nel corso  del proprio lavoro, che diviene ogni giorno più complesso, è necessario avere conoscenza dei principi fondamentali in materia di cittadinanza, filiazione, riconoscimento, adozione, diritto al nome, matrimonio, separazione e divorzio, unione civile, cioè di quella parte del codice civile che si occupa del diritto di famiglia, senza trascurare la normativa di diritto internazionale privato, i trattati e le convenzioni internazionali, le disposizioni di polizia mortuaria, ma anche la disciplina del procedimento amministrativo, le leggi speciali in materia di culti ammessi o disciplinati da intese. In sostanza, occorre avere chiaro un quadro normativo quanto mai vasto e in costante cambiamento ed evoluzione. A questo, si aggiungono i sempre più frequenti interventi della giurisprudenza che contribuiscono a delineare, ridefinire, ampliare istituti e concetti giuridici che producono immediati risvolti pratici sulle attività dell’ufficiale di stato civile che quegli istituti è tenuto ad applicare in prima persona: è un ruolo in continua crescita, sempre più centrale, al punto che le stesse pronunce della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale ne sottolineano le funzioni e gli adempimenti. Nel volume vengono approfondite le tante problematiche legate all’applicazione del regolamento di stato civile, affrontando dapprima gli aspetti teorici necessari per la comprensione delle funzioni dell’ufficiale di stato civile e per lo svolgimento del proprio ruolo, per poi passare alla pratica operativa, attraverso la descrizione degli adempimenti procedurali e di una vasta casistica.
L’ufficiale di stato civile è così in grado non solo di avere adeguata conoscenza dei compiti da svolgere, ma anche di avere precisa consapevolezza di come affrontare praticamente le diverse fattispecie. A tal fine, le parti di testo evidenziate in grigio consentono a chi legge di individuare facilmente, per ogni argomento, procedure pratiche e adempimenti operativi. Una ricca e aggiornata banca dati online, contenente modulistica personalizzabile, normativa, prassi e giurisprudenza, arricchisce l’opera rendendola uno strumento di lavoro completo e al passo con le esigenze degli operatori.

L’acquisto del volume include la consultazione online della modulistica in formato compilabile e di tutta la documentazione necessaria (normativa, prassi e giurisprudenza). 
All’interno del volume sono presenti le istruzioni per accedere all’area riservata del sito www.approfondimenti.maggioli.it

Renzo Calvigioni Già responsabile Servizi Demografici, esperto e docente Anusca, Direttore della Rivista “I Servizi Demografici”.

 

Leggi descrizione
Renzo Calvigioni, 2018, Maggioli Editore
60.00 €

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *