In primo piano

REDDITO DI CITTADINANZA - Reddito di cittadinanza: al via i controlli incrociati

Il comunicato stampa dell'Inps

Si estende il meccanismo dei controlli sul Reddito di cittadinanza (RdC): da oggi è operativo il protocollo tra Inps e Ministero della Giustizia per lo scambio delle informazioni utili alle verifiche relative alla concessione e/o alla revoca del beneficio.
Grazie ai sistemi di interoperabilità messi a punto dall’Inps e dal Ministero della Giustizia saranno effettuati controlli su tutti i richiedenti e percettori di RdC attraverso la trasmissione da parte di Inps al Ministero della Giustizia dell’elenco costantemente aggiornato dei soggetti beneficiari del RdC per la verifica dell’esistenza nel sistema del Casellario Centrale di condanne con sentenza passata in giudicato da meno di dieci anni per i reati di cui all’art. 7, comma 3, del DL n. 4 del 28/1/2019 e ss.mm.
Gli esiti di tali verifiche consentiranno di disporre la revoca del RdC eventualmente percepito ovvero di non riconoscere il beneficio. Lo scambio integrale delle informazioni avviene nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, attraverso la creazione di un circuito privato virtuale sicuro sulle dorsali pubbliche.

> CONSULTA IL COMUNICATO STAMPA DELL’INPS

Ti potrebbe interessare:

>> Reddito di cittadinanza e requisito dei dieci anni di residenza

>> Gli aggiornamenti della piattaforma GEPI per i controlli anagrafici sul reddito di cittadinanza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.