CITTADINI STRANIERI - Legge per i minori stranieri non accompagnati

Le nuove misure di protezione rafforzano le garanzie nel rispetto delle convenzioni internazionali

La Camera dei Deputati ha approvato ieri in via definitiva, alla terza lettura, la proposta di legge in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati.

La legge approvata ha il duplice obiettivo di rafforzare le garanzie per i minori nel rispetto delle convenzioni internazionali e di assicurare maggiore omogeneità nell’applicazione delle disposizioni in tutto il territorio nazionale.

Il minore straniero non accompagnato è un minorenne non avente cittadinanza italiana o dell’Unione europea, che si trova per qualsiasi causa nel territorio italiano, privo di assistenza e di rappresentanza da parte di genitori o adulti per lui legalmente responsabili. Questa oggettiva situazione di debolezza dei minori può portare alla loro dispersione sul territorio nazionale.

La legge approvata ieri prevede perciò:

  • la riduzione dei tempi di attesa nelle strutture di prima accoglienza (dai 60 giorni attuali, a 30;
  • la previsione dell’istituzione di un albo di tutori volontari presso ogni tribunale dei minorenni;
  • le disposizioni per favorire l’affido e l’affidamento temporaneo, con preferenze per le famiglie;
  • il rilascio di soli 2 tipologie di permesso di soggiorno (per minore età o per motivi famigliari);
  • l’inserimento dei minori non accompagnati nelle istituzioni scolastiche; 
  • l’introduzione di specifiche procedure identificative per l’accertamento della minore età.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.