Questo articolo è stato letto 3 volte

CITTADINI STRANIERI - Emersione colf e badanti: il protocollo Ministero/Anci

Emersione colf e badanti: i comuni forniranno assistenza per la presentazione delle domande

“Emersione colf e badanti: i comuni forniranno assistenza per la presentazione delle domande”
Lo stabisce un protocollo firmato alla Prefettura di Milano dal ministro dell’Interno Maroni, dal sottosegretario al Lavoro, Salute e Politiche Sociali Roccella, insieme al presidente dell’Anci Chiamparino.
Il ministro dell’Interno Roberto Maroni e il sottosegretario al Lavoro, Salute e Politiche Sociali Eugenia Roccella, insieme al presidente dell’Anci Sergio Chiamparino, hanno firmato questa mattina presso la Prefettura di Milano un’intesa che riguarda le attività di collaborazione ed assistenza da parte dei Comuni, per le dichiarazioni di emersione dal lavoro irregolare di lavoratori extracomunitari che partirà martedì 1° settembre.
Come è noto, la procedura che interessa i lavoratori extracomunitari addetti all’attività di assistenza alla persona o al lavoro domestico, è esclusivamente on-line, gratuita e disponibile dal 1° al 30 settembre sul sito www.interno.it.
Per venire incontro anche alle esigenze di quei cittadini che da soli non possono procedere all’inoltro telematico delle istanze è stata, quindi, sancita una collaborazione tra i due ministeri e l’associazione nazionale dei comuni, un canale aggiuntivo sul fronte dell’assistenza ai cittadini. 
«Da domani – ha spiegato Maroni – partirà la procedura per la regolarizzazione di colf e badanti non solo per extracomunitari ma anche per cittadini italiani. Quello del lavoro domestico è un settore verso il quale è necessaria molta attenzione ed è per questo che parte la procedura per l’emersione e per la regolarizzazione di chi lavora. Non è però al vaglio del governo la possibilità di dare il via ad una procedura simile per altre tipologie di lavoro».

Consulta il protocollo d’intesa e le linee guida

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *