Questo articolo è stato letto 310 volte

ANAGRAFE- P.A.- STATO CIVILE - L’attività di sportello: l’identificazione (3 parte)

Regole pratiche e consigli
indicazioni-operative-relative-alla-procedura-di-verifica-delladempimento-degli-accordi-di-integrazione-in-scadenza.jpg

In continuità con gli approfondimenti pubblicati in precedenza, affrontiamo ora l’esame dell’identificazione di un soggetto per il rilascio di documenti di identità e di riconoscimento.

Per il rilascio della carta di identità l’art. 289 del r.d. n. 635/1940, in maniera estremamente lapidaria dispone: “La carta di identità deve essere rilasciata dopo rigorosi accertamenti sulla identità della persona richiedente, da eseguirsi, ove sia necessario, a mezzo degli organi di polizia”.
Sarebbe una norma perfetta se solo si potesse contare sull’intervento degli organi di polizia, quando necessario, per identificare la persona.
Purtroppo, mai o quasi mai, le forze di polizia provvedono alla identificazione delle persone prive di documenti di identità o di riconoscimento. Alla luce di queste premesse, è evidente che l’identificazione può essere fatta mediante l’esibizione di altri documenti di identità o di riconoscimento in possesso del cittadino (patente, passaporto, porto d’armi e, in sostanza, qualunque documento rilasciato da una amministrazione dello Stato e recante la foto dell’interessato).
Quando l’interessato non sia in possesso di alcun documento…
 

>> CONTINUA A LEGGERE

VAI ALLO SPECIALE

ABBONATI ALLA RIVISTA – SCOPRI L’OFFERTA!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>