Questo articolo è stato letto 803 volte

ANAGRAFE - IL CASO – Annullamento cancellazione anagrafica per irreperibilità accertata

comunicazaione

In data 5.10.2018 è pervenuta allo scrivente Ufficio Anagrafe istanza di annullamento del provvedimento di cancellazione per irreperibilità adottato nei confronti di un cittadino marocchino il quale, essendo in procinto di presentare istanza di conferimento della cittadinanza italiana, risulta in difetto del requisito della ininterrotta residenza legale da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica. L’interessato, residente in questo comune dalla data del 30.6.2005 per immigrazione con provenienza da altro comune, è stato cancellato dall’Anagrafe della popolazione residente di questo comune in data 15.4.2011 a seguito di irreperibilità accertata, a seguito di accertamenti periodici ed intervallati nel tempo dalla data dell’11.9.2009 sino all’adozione del citato provvedimento di cancellazione nell’anno 2011. Successivamente a tale data, con decorrenza dal 15.7.2011, il medesimo è stato nuovamente iscritto nell’Anagrafe di questo comune ad un diverso indirizzo, dove risiede a tutt’oggi. Ai fini dell’accoglimento dell’istanza di annullamento del provvedimento di cancellazione per irreperibilità, l’interessato ha comunicato che nel periodo di mancata residenza in Italia era di fatto dimorante in Asti (tra l’altro ad indirizzo diverso sia dall’ultimo noto alla scrivente prima della sua cancellazione dove era stato invitato a regolarizzare senza riscontro sia dall’attuale registrato in Anagrafe) e a tal fine ha prodotto certificazioni della locale ASL per prestazioni mediche eseguite nel corso dell’anno 2011 e buste paga relative alle mensilità contestate, quale documentazioni comprovanti la sua presenza sul territorio nazionale nel periodo sopracitato. Stante il notevole lasso di tempo intercorso sino ad oggi, si richiede se sussistano i presupposti per l’annullamento del provvedimento di cancellazione per irreperibilità nei confronti dell’interessato e se, in caso positivo, vada ripristinata la sua posizione anagrafica all’ultimo indirizzo noto nel comune prima della sua cancellazione con tutte le implicazioni che ne conseguono.

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>