Questo articolo è stato letto 9 volte

Divorzio anche d'avanti all'ufficiale di stato civile

Divorzio anche d’avanti all’ufficiale di stato civile

La riforma della giustizia, in discussione al Senato, introdurrà per separazioni e divorzi un iter “semplificato” per il quale i coniugi che siano d’accordo sulle condizioni di separazione o di divorzio, potranno separarsi o divorziare davanti all’ufficiale dello stato civile (allo stesso modo di quanto avviene per la costituzione del vincolo di matrimonio), a condizione che non abbiano figli minori né figli maggiorenni portatori di handicap grave, né figli maggiorenni economicamente non autosufficienti. Inoltre i termini per la conclusione della pratica si accorceranno sensibilmente, da 36 a soli 6 mesi, parlando sempre di separazione consensuale tra i due coniugi, allungandoli ad un anno nel caso si renda necessario il giudizio di un tribunale.

Questa misura consentirà di ridurre il flusso dei procedimenti in entrata dei tribunali di circa 80.000 procedimenti per anno.

La riforma prevede anche l’istituzione del nuovo tribunale per la famiglia e per i diritti delle persone che nascerà allargando lo spettro delle attuali competenze attribuite ai tribunali per i minorenni, includendovi anche competenze oggi attribuite al tribunale ordinario (diritti delle persone, ed in particolare i minori,  e diritti della famiglia, tra cui separazioni, divorzi e in genere contenzioso legato alla crisi delle relazioni familiari).

Il Tribunale per i minorenni è attualmente un giudice  quasi sempre collegiale composto da 2 giudici togati e 2 esperti in psicologia o pedagogia e che, oltre alle competenze per i reati commessi da minori, ha competenze che concernono la protezione della persona del minore in situazioni potenziali di pregiudizio o di abbandono. I diritti dei minori e della famiglia sono di una tale delicatezza che richiedono la massima specializzazione dei professionisti che si occupano di questa materia.

Viene così istituita una specifica articolazione giudiziaria, i cui componenti  si occuperanno dell’intero settore della famiglia e delle persone in via esclusiva, così da acquisire un elevato tasso di specializzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>