POLIZIA MORTUARIA - Diritto alla tumulazione

Volontà del fondatore del sepolcro – carattere familiare o gentilizio – si presume in mancanza di volontà diversa – trasmissione del diritto – cedibilità – va esclusa

Lo “ius sepulchri”, cioè il diritto alla tumulazione (quale diritto primario di essere seppellito o di collocare le salme in un sepolcro familiare), autonomo e distinto rispetto al diritto reale sul manufatto funerario o sui materiali che lo compongono, deve presumersi di carattere non ereditario, ma familiare, in difetto di specifica diversa volontà del fondatore, e quindi considerarsi sottratto a possibilità di divisione o trasmissione a terzi non legati “iure sanguinis” al fondatore medesimo, mentre resta in proposito irrilevante la eventuale cedibilità prevista nel regolamento o nell’atto di concessione comunale (Cassazione n. 1789/07).

Continua a leggere la sentenza

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.