Questo articolo è stato letto 0 volte

CITTADINI STRANIERI - Tar Lazio, Roma, 2 febbraio 2010, n. 1418

Il ricorso, volto ad ottenere l’annullamento del silenzio-rifiuto, formatosi sull’istanza di concessione della cittadinanza italiana non può investire la verifica della fondatezza della pretesa sostanziale, quindi l'accertamento del diritto dell’interessato al conseguimento del provvedimento richiesto

Il ricorso, volto ad ottenere l’annullamento del silenzio-rifiuto (che si assume) formatosi sull’istanza di concessione della cittadinanza italiana non può investire la verifica della fondatezza della pretesa sostanziale e, quindi, l’accertamento del diritto dell’interessato al conseguimento del provvedimento richiesto.

Tar Lazio, Roma, 2 febbraio 2010, n. 1418

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *