Questo articolo è stato letto 53 volte

PERSONALE - Smartworking e Pola

La nota dell'Aran

In relazione alla pubblicazione della legge 87/2021, di conversione del D.L. 52/2021, l’Aran ha pubblicato una nota in cui ricorda che, per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche, sono state confermate le previsioni introdotte dal D.L. 56/2021, ovvero la proroga fino al 31 dicembre 2021 delle modalità di lavoro agile, anche attraverso soluzioni digitali e non in presenza, applicando lo smartworking, in attesa della definizione della disciplina da parte dei contratti collettivi e comunque a condizione che l’erogazione dei servizi avvenga con continuità ed efficienza; inoltre, sempre in linea con l’esigenza di agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti pubblici, la normativa in oggetto prevede che in base al Pola (Piano organizzativo del lavoro agile), redatto ogni anno dalle amministrazioni, almeno il 15% dei dipendenti, per le attività compatibili, possa avvalersene senza che gli stessi subiscano penalizzazioni nella progressione di carriera e nel riconoscimento di professionalità apprestando strumenti di verifica periodici dei risultati conseguiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *