Questo articolo è stato letto 11 volte

Requisiti per lo svolgimento del trasporto funebre, senza onoranze o vendite

Requisiti per lo svolgimento del trasporto funebre, senza onoranze o vendite

Il M.S.E., nel 2012, era stato interpellato da un comune laziale sui requisiti tecnico-organizzativi necessari per l’attività di trasporto funebre disgiunto da quella dell’attività funebre, essendo il comune interessato stato destinatario di una S.C.I.A., oltretutto redatta richiamando la normativa dell’Emilia-Romagna.
La risposta ad un tale quesito ha costituito lo spunto per l’emanazione della circolare SEFIT n. 4005 del 18/2/2014 (www.federutility.it) dal titolo: “Attività di trasporto funebre, disgiunto dall’attività funebre – Un parere del Ministero dello Sviluppo Economico“, che riposta il quesito, la risposta e, di seguito, approfondisce alcuni aspetti, di interesse per i comuni, in particolare per le fasi di valutazione della sussistenza dei requisiti previsti.

DOCUMENTI COLLEGATI
Circolare SEFIT 18/2/2014 n. 4005 Allegato 2
Attività di trasporto funebre, disgiunto dall’attività funebre – Un parere del Ministero dello Sviluppo Economico

Nota Ministero dello sviluppo economico 18/6/2012 prot.0139445
Attività di trasporto funebre – Quesito

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *