Questo articolo è stato letto 858 volte

ELETTORALE - Quorum concernenti la validità delle elezioni comunali

Servizio Studi di Camera e Senato, Nota Breve - n. 290

La Commissione 1a (Affari costituzionali) del Senato ha concluso, in data 26 maggio, l’esame congiunto, in sede referente, dei disegni di legge n. 1196, d’iniziativa del sen. Augussori (“Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, e alla legge 25 marzo 1993, n. 81, concernenti il computo dei votanti per la validità delle elezioni comunali e il numero delle sottoscrizioni per la presentazione dei candidati alle medesime elezioni”) e n.1382, d’iniziativa dei senatori Taricco ed altri (“Modifiche all’articolo 71 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in materia di elezioni amministrative nei comuni con popolazione al di sotto dei 3.000 abitanti”).
La Commissione ha conferito il mandato alla relatrice, sen. Pirovano, a riferire favorevolmente all’Assemblea sul disegno di legge 1196 (precedentemente assunto come testo base), con le modifiche accolte nel corso dell’esame (emendamenti 1.100, 2.100 e Coord.1), con proposta di assorbimento dell’AS 1382.

Il provvedimento (che assume il titolo “Modifiche al testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, e alla legge 25 marzo 1993, n. 81, concernenti il computo dei votanti per la validità delle elezioni comunali e il numero delle sottoscrizioni per la presentazione dei candidati alle medesime elezioni”) riduce il quorum strutturale richiesto per la validità delle elezioni amministrative nei comuni con meno di 15.000 abitanti nei casi in cui sia stata ammessa e votata una sola lista (art.1) e introduce l’obbligo di sottoscrizione delle liste per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale anche nei comuni con meno di 1.000 abitanti.
A seguire si propone l’illustrazione dei due articoli di cui si compone il provvedimento all’esame dell’Assemblea.

>> CONSULTA LA NOTA BREVE N. 290 DEL SERVIZIO STUDI DI CAMERA E SENATO

TI CONSIGLIAMO:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *