Questo articolo è stato letto 123 volte

ANAGRAFE - Provvedimenti anagrafici: l’annullamento in autotutela (3 parte)

La motivazione dell'annullamento

Il termine ragionevole

Anche questa condizione, salvo casi eccezionali, non dovrebbe essere un problema per l’ufficiale d’anagrafe. L’irragionevolezza del ristabilimento di una verità storica (come è il fatto di avere risieduto o meno in un certo luogo), a causa solo del decorso del tempo, è ben difficile da ipotizzarsi; così come è ben difficile che un soggetto solleciti l’ufficiale di anagrafe a operare un annullamento d’ufficio se non abbia un interesse ragionevole da mettere in comparazione con l’interesse pubblico, …

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

>> Provvedimenti anagrafici: l’annullamento in autotutela (1 parte)
>> Provvedimenti anagrafici: l’annullamento in autotutela (2 parte)

>> Non sei abbonato ai Servizi Demografici e vuoi provare il servizio per una settimana?

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *