Questo articolo è stato letto 204 volte

ELETTORALE - D.L. 25/2017 – Voucher ed appalti

voucher

Prosegue alla Camera l’esame del testo unificato del disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 17 marzo 2017, n. 25, recante disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti (C. 4373).

Il Decreto-legge 17 marzo 2017, n. 25 (A.C. 4373), interviene in materia di lavoro accessorio e di responsabilità solidale negli appalti.

L’articolo 1 dispone la soppressione della disciplina del lavoro accessorio (attraverso l’abrogazione degli articoli da 48 a 50 del D.Lgs. 81/2015), prevedendo un regime transitorio per i buoni già richiesti fino al 17 marzo 2017 (data di entrata in vigore del provvedimento in esame), i quali possono essere utilizzati fino al 31 dicembre 2017.

Secondo quanto affermato nella relazione illustrativa, l’abrogazione del lavoro accessorio “mira a contrastare il ricorso a pratiche elusive al fine di favorire l’affermazione di forme di lavoro più stabile”.

L’articolo 2 modifica la disciplina in materia di responsabilità solidale tra committente e appaltatore in relazione ai trattamenti retributivi (comprensivi delle quote di trattamento di fine rapporto), ai contributi previdenziali e ai premi assicurativi dovuti ai lavoratori subordinati in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto.

In particolare, modificando l’articolo 29, comma 2, del D.Lgs. 276/2003, si apportano le seguenti modifiche:
– viene eliminata la possibilità, per i contratti collettivi, di derogare al principio della responsabilità solidale tra committente e appaltatore, nel caso in cui, attraverso la contrattazione collettiva, si individuino metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti (comma 1, lettera a));
– viene eliminato il beneficio della preventiva escussione del patrimonio dell’appaltatore, in base al quale, attualmente (ferma restando la responsabilità solidale per cui committente e appaltatore sono convenuti in giudizio congiuntamente), la possibilità di intentare l’azione esecutiva nei confronti del committente è esercitabile solo dopo l’infruttuosa escussione del patrimonio dell’appaltatore e degli eventuali subappaltatori (comma 1, lettera b)).

Secondo quanto affermato nella relazione illustrativa, le modifiche sono volte a “elevare ulteriormente l’efficacia delle tutele in favore dei lavoratori, in coerenza con la recente evoluzione della disciplina in materia di contratti pubblici”.

L’articolo 3 dispone in ordine all’entrata in vigore del decreto-legge.

Si ricorda che la Corte costituzionale l’11 gennaio 2017 ha dichiarato ammissibile la richiesta di referendum popolare per l’abrogazione della normativa vigente in materia di lavoro accessorio (cd. voucher) (articoli 48-50 del D.Lgs. 81/2015, adottato in attuazione del cd. Jobs Act) e per l’abrogazione delle disposizioni limitative della responsabilità solidale tra committente e appaltatore in materia di appalti (articolo 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/2003).

Obiettivi dei richiamati referendum sono, quindi, quello di escludere dall’ordinamento il lavoro accessorio e quello di prevedere una piena responsabilità solidale tra committente e appaltatore, non limitabile da parte della contrattazione collettiva ed estesa, in sede giudiziale, anche alla fase esecutiva.

Le disposizioni contenute nel decreto-legge realizzano un effetto abrogativo analogo a quello che discenderebbe dall’abrogazione referendaria, con l’unica differenza che l’articolo 1, comma 2, prevede anche una disciplina transitoria sull’utilizzabilità (fino al 31 dicembre 2017) dei voucher richiesti entro l’entrata in vigore del decreto-legge (17 marzo 2017).

La data per la consultazione referendaria è stata fissata al 28 maggio 2017.

PER APPROFONDIRE

Servizio Studi 155 (29 marzo 2017) Disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti – D.L. 25/2017 / A.C. 4373 – Elementi di valutazione sulla qualità del testo
Servizio Studi 268 (3 aprile 2017) Abrogazione della normativa in materia di lavoro accessorio e modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale negli appalti – D.L. 25/2017 / A.C. 4373 – Elementi per la valutazione degli aspetti di legittimità costituzionale Elementi per la valutazione degli aspetti di legittimità costituzionale
Servizio Studi 552 (23 marzo 2017) Abrogazione della normativa in materia di lavoro accessorio e modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale negli appalti – D.L. 25/2017 / A.C. 4373 – Schede di lettura

 

PER APPROFONDIRE L’ARGOMENTO LA REDAZIONE CONSIGLIA

 

novitàelettoralevolume

MANUALE PRATICO PER L’UFFICIO ELETTORALE

Andrea Zuccotti – Umberto Coassin

Disciplina dell’elettorato attivo e passivo
– Ruolo dell’Ufficiale Elettorale e delle Commissioni Elettorali
– Voto degli italiani all’estero
– Gestione dell’albo scrutatori e presidenti di seggio
– Consultazioni elettorali

acquistaora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *