ANAGRAFE- STRANIERI - L’istruttoria ai fini del riconoscimento del diritto di soggiorno permanente (parte 2)

Gli adempimenti dell'ufficiale d'anagrafe

Approfondimento di W. Damiani

Per svolgere correttamente l’istruttoria, in primo luogo è necessario individuare il quinquennio da prendere in esame, che potrebbe corrispondere con gli ultimi cinque anni oppure con un periodo precedente. La Corte di Giustizia dell’Unione Europea con la sentenza del 7 ottobre 2010 nella Causa C-162/09 (Secretary of State for Work and Pensions/Taous Lassal) ha infatti stabilito che ai fini dell’acquisizione del diritto di soggiorno permanente devono essere presi in considerazione soggiorni ininterrotti di cinque anni anche se conclusi prima della data di trasposizione della direttiva 2004/38/CE, vale a dire il 30 aprile 2006.

> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

Per maggiori approfondimenti ti consigliamo:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.