Questo articolo è stato letto 456 volte

ANAGRAFE - IL CASO – Rilascio carta d’identità a minore affidato a un solo genitore

Se il padre non ha perso la patria potestà deve firmare anche lui l'assenso al rilascio?

La madre di un cittadino italiano minore di età chiede per il proprio figlio il rilascio di una carta d’identità valida per l’espatrio. La madre è separata dal marito ed ha in mano una sentenza nella quale il minore viene affidato in modo esclusivo alla madre, sulla base di questa sentenza vorrebbe la carta di identità valida per l’espatrio senza ottenere l’assenso dell’altro genitore (perché così le ha detto l’avvocato). A mio avviso il padre non ha perso la patria potestà per cui deve firmare l’assenso, chiedo cortesemente se il mio pensiero è corretto.

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

Ti consigliamo:

Manuale pratico per lo sportello dei servizi demografici

Manuale pratico per lo sportello dei servizi demografici

William Damiani, 2020, Maggioli Editore
Gli operatori preposti agli sportelli dei servizi demografici si trovano a dover affrontare quotidianamente e risolvere in tempo reale le pi disparate problematiche che, a fronte di un contesto normativo complesso e articolato, finiscono molte volte per mettere in dubbio anche certezze...

74,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *