Questo articolo è stato letto 383 volte

STATO CIVILE - IL CASO – Nascita in Italia – Acquisto di cittadinanza art. 4, comma 2, Legge 91/1992 – Requisiti

Assenza di documentazione per il periodo tra la nascita e la dichiarazione di residenza. Come è opportuno procedere?

Si chiede consulenza relativamente a un acquisto di cittadinanza ex art. 4, comma 2, legge 91/1992. La cittadina è nata in Italia il 7 gennaio 2002 da genitori non residenti in Italia al momento della nascita (nell’atto infatti sono indicati entrambi come residenti all’estero). La residenza effettiva è stata presa dalla madre il 21 febbraio 2002 e dalle risultanze anagrafiche tutta la famiglia viene indicata come proveniente dall’estero. Ho chiesto i permessi alla Questura per verificare che fossero antecedenti all’entrata in Italia, ma la Questura mi comunica che il primo permesso di soggiorno della madre è di marzo 2003.
La ragazza mi ha fornito come documentazione comprovante la sua permanenza in Italia una visita pediatrica del 15 gennaio 2002 e niente altro, ma non ha documentazione per il periodo di più di 30 giorni di buco tra la nascita e la dichiarazione di residenza. Come è opportuno procedere?

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

Ti consigliamo:

La cittadinanza italiana

La cittadinanza italiana

Renzo Calvigioni, Tiziana Piola, 2019, Maggioli Editore
L�opera contiene, per ogni argomento, una parte espositiva con l�attuale normativa in materia di cittadinanza italiana: principi generali ed attribuzione, acquisto, perdita, riacquisto, riconoscimento del possesso, con richiami alla giurisprudenza pi� recente e alla dottrina pi�...

50,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *