Questo articolo è stato letto 17 volte

Emergenza abitativa e lotta all’occupazione abusiva di immobili: non è possibile “chiedere” la residenza

Emergenza abitativa e lotta all’occupazione abusiva di immobili: non è possibile “chiedere” la residenza

Trascurandosi come all’art. 10, 1 D.L. 28/3/2014, n. 47  si parla di “aree e tessuti”, dove, forse, alla parola “tessuti” dovrebbe seguire un aggettivo (es.: “urbani”), dato che, in difetto, non si comprenderebbe quale ne sia il significato, l’art. 5, in tema di lotta all’occupazione abusiva di immobili, introduce una disposizione per cui vieta all’occupante abusivo di “chiedere” (non si trattava di “dichiarare”?) la residenza nell’immobile abusivamente occupato, né “chiedere” l’allacciamento a pubblici servizi, aggiungendo che … gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.

Da un lato si potrebbe distinguere tra “chiedere” ed “ottenere”, ma ciò sarebbe mero esercizio accademico, dato che la norma sembra rivolta piuttosto ad inibire che le registrazioni anagrafiche possano riguardare immobili occupati abusivamente e il relativo occupante abusivo.

Questa disposizione intacca il principio cui è stata, fin dall’origine, ispirata la L. 24/12/1954, n. 1228 e il sistema di registrazioni da questa regolato, cioè il principio dell’effettività della situazione di fatto (principio cardine, reiteratamente ribadito dalla giurisprudenza).

Si potrebbe considerare come essa sia abbastanza ipocrita, preferendosi la tecnica dello struzzo che non approcci di oggettivo contrasto alle occupazioni abusive, per quanto queste siano pacificamente illegittime.

Non è mancato chi abbia considerato come sia imperfetta la stessa formulazione utilizzata, come se l’emissione di un atto costituisca violazione di un divieto, poiché il divieto è posto all’occupante abusivo e non al soggetto che eventualmente emetta un atto …. Va, infine, osservato come (art. 10, c.8) sia previsto che certi interventi non possano riferirsi ad edifici abusivi o siti nei centri storici o in aree ad inedificabilità assoluta: ci mancherebbe!

DOCUMENTI COLLEGATI:
Decreto Legge 28/3/2014 n. 47 (G.U. 28/3/2014 n. 73)
Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *