Questo articolo è stato letto 416 volte

STATO CIVILE - Doppio cognome – la circolare con le prime indicazioni operative

E’ on line la circolare del Dipartimento per gli affari interni e territoriali 14/6/2017, n. 7 inviata ai prefetti a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 286 del 21 dicembre 2016, che ha accolto la questione di legittimità sul tema del doppio cognome.

La Corte Costituzionale ha stabilito che è illegittima la norma che impone l’attribuzione automatica ed esclusiva del solo cognome paterno. I neo genitori, quindi, possono ora attribuire al loro figlio, di comune accordo, il doppio cognome – paterno e materno – al momento della nascita.

Per rispondere alle richieste di chiarimento pervenute finora, la Direzione Centrale per i Servizi Demografici del Dipartimento per gli affari interni e territoriali ha trasmesso ai prefetti una circolare con le indicazioni operative e i chiarimenti interpretativi sulle prime questioni emerse dopo la pronuncia della Corte.

Tra i punti salienti della circolare è chiarito che:

 

• il cognome della madre dovrà essere posposto, e non anteposto, a quello paterno;

• l’attribuzione “anche” del cognome materno al nuovo nato riguarda tutti gli elementi onomastici dei quali sia eventualmente composto il cognome stesso;

• le novità in esame trovano applicazione per gli atti di nascita che si formano dal giorno successivo alla pubblicazione della citata sentenza, avvenuta il 28 dicembre 2016.

 

PER APPROFONDIRE

 
novità

8891621504Gli atti di stato civile

Marina Caliaro, Renzo Calvigioni

Nascita, cittadinanza, matrimonio, 
unione civile, morte
• Guida pratica alla stesura
• Esempi completi di redazione
• Modulistica, normativa e prassi

Aggiornato con:
– DD.llgs. 19 gennaio 2017, nn. 5 e 7 (Modifiche all’ordinamento dello stato civile e alle norme di diritto internazionale privato per la regolamentazione delle unioni civili)
– DM 27 febbraio 2017 (Nuovi registri e formule sulle unioni civili) acquistaora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *