CITTADINI STRANIERI - Direttiva rimpatri e delitto di illecito reingresso nel territorio dello Stato

Approda alla Corte di Giustizia UE la controversa questione della compatibilità con la c.d. direttiva rimpatri del delitto di illecito reingresso nel territorio dello Stato (art. 13, comma 13, t.u. immigrazione).

Il delitto di illecito reingresso nel territorio dello Stato (art. 13, comma 13 e 13-bis, t.u. immigrazione) rimane l’unica fattispecie che, anche dopo la sentenza El Dridi della Corte di Giustizia UE e la complessiva riscrittura del sistema penale del t.u. immigrazione a opera del d.l. 89/2011, continua a punire con la pena della reclusione (da uno a quattro nelle ipotesi base, da uno a cinque nei casi di reingresso illecito reiterato) lo straniero che si trovi in una condizione di soggiorno irregolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.