ANAGRAFE- STATO CIVILE - IL CASO – Devono essere registrate in anagrafe le informazioni relative alle tutele e alle amministrazioni di sostegno?

Stiamo trattando i dati in modo non conforme al regolamento privacy?

Ho riscontrato che diversi Comuni registrano negli archivi informatici anagrafici lo status di interdetto o di beneficiario di amministrazione di sostegno dei destinatari di detti provvedimenti giudiziali. Mi sorge il dubbio sulla legittimità di tali registrazioni in quanto le uniche disposizioni esistenti sull’argomento e destinate ai servizi demografici sono il regolamento dello stato civile e il codice civile che prevedono però solo l’annotazione a margine dell’atto di nascita (e quindi stato civile), mentre non trovo alcuna disposizione riguardante eventuali registrazioni o “blocchi” (come il popolo degli ufficiali di anagrafe li definisce) negli archivi anagrafici. Da qui il sospetto che stiamo trattando dati in modo non conforme al regolamento privacy. Mi trovo un po’ solo su questa interpretazione ma non ne vedo altre di possibili, non riuscendo io a individuare altre basi giuridiche che legittimano il trattamento.

Leggi la risposta dei nostri esperti

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o richiedi password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Ti consigliamo:

Gli atti di stato civile

Gli atti di stato civile

Il testo rappresenta una guida per la corretta applicazione delle norme vigenti in materia di stato civile.

Ciascuna parte del volume (nascita, matrimonio, unione civile, cittadinanza, morte) è strutturata in schede tematiche, raggruppate secondo le parti e le serie del registro di stato civile.

Per ciascuna scheda vengono riportati un'ampia casistica, le procedure da seguire e gli atti da redigere.

Ogni parte si chiude con la modulistica, le norme e le circolari di riferimento.

L'edizione è stata rivista e aggiornata al tema della filiazione da genitori dello stesso sesso e della trascrizione del matrimonio omosessuale celebrato all'estero con effetti di unione civile nel nostro ordinamento.

Si riportano gli ultimi ultimi giurisprudenziali in materia di acquisto della cittadinanza e inoltre di ricevere il giuramento ex art. 9 della Legge 91/1992.

Da segnalare anche i nuovi contenuti dedicati alle Disposizioni anticipate di trattamento (DAT) previste da norme che, pur non dando luogo alla formazione di atti di stato civile o annotazioni su atti, impegnano comunque gli ufficiali dello stato civile.

Il volume si completa con una vera e propria banca dati online, consultabile attraverso l'utilizzo del codice alfanumerico allegato, contenente oltre 250 modelli in compilabile, la normativa e le circolari ministeriali, con aggiornamenti fino al 31/12/2020.

 

Marina Caliaro
Istruttore direttivo amministrativo presso i Servizi Demografici e cimiteriali del Comune di Padova; esperto e docente Anusca.
Renzo Calvigioni
Già responsabile Servizi Demografici, Direttore della rivista “I Servizi Demografici”; esperto e docente Anusca.

Leggi descrizione
Renzo Calvigioni, Marina Caliaro, 2020, Maggioli Editore
198.00 € 158.40 €

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.