Questo articolo è stato letto 8 volte

SENZA CATEGORIA - Separazione personale tra i coniugi, assegno di mantenimento e prova testimoniale.

Separazione personale tra i coniugi, assegno di mantenimento e prova testimoniale.

Il contesto sociale in cui i coniugi hanno vissuto durante la convivenza, quale situazione condizionante la qualità e la quantità dei bisogni emergenti del soggetto richiedente lo stesso costituisce un elemento indispensabile per stabilire l’attribuzione e poi procedere alla valutazione di congruità dell’assegno di mantenimento: lo ha precisato la Corte di Cassazione, Sez. 1^ civ., sent. n. 18175 del 23/10, precisando, anche, che la valutazione delle risultanze della prova testimoniale ed il giudizio sull’attendibilità dei testi e sulla loro credibilità involgono apprezzamenti di fatto riservati al Giudice di merito, il quale, nel porre a fondamento della propria decisione una fonte di prova con esclusione delle altre, non incontra alcun limite se non quello di specificare le ragioni del proprio convincimento, senza dover discutere ogni singolo elemento prospettato dalle parti o confutare ogni deduzione difensiva.
Ne deriva che il vizio di motivazione deducibile con il ricorso ex art. 360, 5, CPC, non può consistere nella difformità di apprezzamento di fatti e delle prove compiuto dal giudice del merito rispetto a quello preteso dalla parte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>