Questo articolo è stato letto 1 volte

SENZA CATEGORIA - Proroghe di termini: dalle impronte digitali, alle comunicazioni sul patrimonio pubblico, alla gestione in forma associata di funzioni, ma (solo per qualche P.A.) anche dell'art. 15 L. 12/11/2011, n. 183. (2) Conversione in legge. Ed intanto, si sono già ri-modificate alcune norme.

Proroghe di termini: dalle impronte digitali, alle comunicazioni sul patrimonio pubblico, alla gestione in forma associata di funzioni, ma (solo per qualche P.A.) anche dell’art. 15 L. 12/11/2011, n. 183. (2) Conversione in legge. Ed intanto, si sono già ri-modificate alcune norme.

Il D.L. 29/12/201, n. 216 (c.d. “mille proroghe”) è stato convetito in L. 24/2/2012, n. 14.
In relazione al suo art. 15, 4, che riguarda l’apposizione delle impronte digitali (= delle dita, precisazione che oprmai diventa necessaria considerando il C.A.D.) sulle C.I., occorre coordinare questa proroga con il (successivo) art. 40, 2, lett. a) D.L. 24/1/2012, n. 1 con cui, de facto.
Questa previsione viene a riguardare le sole C.I,.E. Spesso, ormai troppo spesso, le modifiche alle norme si rincorrono, un po’ conme le onde del mare che si infrangono sulla battigia, cosa che non agevola chi debba applicarle.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>