Questo articolo è stato letto 103 volte

STATO CIVILE - Lo scioglimento giudiziale dell’unione civile senza la preventiva manifestazione di volontà di fronte all’ufficiale di stato civile

Il Tribunale di Novara pronuncia lo scioglimento di unione civile accogliendo la domanda di scioglimento proposta da una parte nei confronti dell’altra
servizi-demografici_1

Approfondimento di R. Calvigioni

Estratto dell’articolo di Renzo Calvigioni, Lo scioglimento giudiziale dell’unione civile senza la preventiva manifestazione di volontà di fronte all’ufficiale di stato civile, pubblicato sulla rivista I Servizi Demografici  n. 5/2019,  pag. 13

In una recente sentenza del 5 luglio 2018, il Tribunale di Novara pronuncia lo scioglimento di unione civile accogliendo la domanda di scioglimento proposta da una parte nei confronti dell’altra: considerando che la legge che ha introdotto le unioni civili nel nostro ordinamento, la n. 76/2016 risale al 20 maggio 2016, cioè ha un periodo di applicazione breve, ulteriormente ridotto dal fatto che i decreti legislativi, che hanno dato piena attuazione alla normativa, superando la fase provvisoria, sono stati emanati nel gennaio 2017 cioè ancora più di recente, le decisione del Tribunale di Novara rappresenta una dei primi esempi di scioglimento di unione civile, già solamente per questo meritevole di approfondimento. Ulteriore particolarità è data dal fatto che il ricorrente non ha reso la dichiarazione di fronte all’ufficiale di stato civile, contenente la manifestazione di volontà di sciogliere l’unione civile, come espressamente previsto dall’art. 1, comma 24 della legge 76/2016: nonostante tale carenza, il Tribunale ha accolto comunque la richiesta di parte giungendo alla decisione richiesta. Si tratta di una procedura che sembra discostarsi del dettato normativo e, proprio per questo, può essere utile cercare di comprendere il percorso seguito dal giudice.

>> Continua a leggere l’articolo

 

 

ANTICIPAZIONE DEL SOMMARIO (FASCICOLO N. 5/2019)

  • La disciplina del cognome: il silenzio del legislatore di Renzo Calvigioni
  • La recente evoluzione normativa funeraria e cimiteriale, regionale e nazionale – Lorella Capezzali
  • Lo scioglimento giudiziale dell’unione civile senza la preventiva manifestazione di volontà di fronte all’ufficiale di stato civile – Renzo Calvigioni
  • Il progetto EPAPFR: uno strumento volto a migliorare la cooperazione nella tutela dei soggetti più deboli – Caterina Fratea
  • I certificati europei e ANPR: un’integrazione possibile? – Patrizia Saggini
  • Il caos della certificazione on line per i Comuni subentrati in ANPR. Facciamo un po’ di chiarezza! – Alessandro Francioni
  • L’imposta di bollo nei procedimenti anagrafici e nella certificazione – Liliana Palmieri e Romano Minardi
  • Quesiti a cura di Renzo Calvigioni e Noemi Masotti
  • Giurisprudenza a cura di Dante Buson
  • Scadenzario Giugno 2019

 

FRECCIASCOPRI DI PIU’ su www.periodicimaggioli.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>