Questo articolo è stato letto 3 volte

Legge di stabilità 2013  e spese funebri sempre più pesanti

Legge di stabilità 2013  e spese funebri sempre più pesanti

Il 25/10/2012 è stata diffusa la Fun.news.2297 (a cura di www.euroact.net),  che considera uno dei (tanti) effetti della c. d. “Legge di stabilità   2013” dal titolo “Spese funebri sempre più pesanti”.

La si trascrive (g.c.), senza grandi modificazioni, salva l’omissione del testo della norma considerata:  “… Con l’articolo 12 del DDL stabilità (2013), presentato in prima lettura alla Camera e rubricato come AC 5534, riportato per estratto in calce alla presente comunicazione, si modifica profondamente il regime di detraibilità e di deducibilità. Contrariamente alle richieste di tutte le Federazioni di categoria del comparto funebre e cimiteriale (che chiedevano un aumento della detraibilità delle spese funebri in occasione di un funerale a valori congrui) il Governo – e non certamente solo per questo settore – ha cambiato le regole: a)

Per chi ha un reddito superiore a 15.000 euro, inserendo una franchigia di 250 euro per ogni tipologia di spesa individuata all’articolo 14 comma 5 b) e poi, sempre per chi ha un reddito superiore a 15.000 euro, inserendo un limitatore massimo del monte di detraibilità (Art. 14 comma 8).

Diventa pertanto meno conveniente chiedere fattura per un funerale! Prima le spese funebri erano integralmente detraibili, indipendentemente dal reddito, fino ad una spesa complessiva di 1.549 euro circa (i vecchi 3 milioni di lire), ovviamente per il 19%, il che garantiva uno sconto fiscale nell’anno di pagamento della fattura relativa al decesso (ovviamente a chi ne aveva titolo) di circa 294 euro. Ora, con la franchigia di 250 euro, chi ha un reddito oltre i 15.000 euro, potrà detrarre in funzione di una spesa pari a 1299 euro (indipendentemente dal valore indicato in fattura) e se ha già altre detrazioni occorre valutare se queste spese funebri sommate alle altre detraibili sono superiori o meno a 3.000 euro. Se lo sono … ciccia!

Ovvero si può detrarre al massimo per spese fino a 3.000 euro.  Insomma ci perde da un minimo di 47,5 euro (19% di 250 euro) ad un massimo (se supera i 3.000 euro di detrazioni) dell’intera cifra prima riconosciuta cioè 294 euro (pari al 19% di 1.549).

E così le spese funebri diventano sempre più pesanti, ma è anche un colpo splendido contro la trasparenza del mercato funebre! E a questo punto il mantra del recupero dell’evasione sembra scricchiolare, a meno che non si pensi di operare soprattutto in maniera poliziesca sottoponendo tutte le categorie economiche ad un pesante sistema di controlli.

Ad ogni buon conto è un ulteriore salasso nelle tasche dei contribuenti e un invito ai furbi a farsi ancor più furbi.

Per i cittadini non resterà ora (a meno che nelle istruzioni dell’Agenzia delle Entrate non scoprano immediatamente l’inghippo) che intestare le fatture funebri al parente avente diritto col reddito più basso di 15.000 euro l’anno.  ….”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>