Questo articolo è stato letto 201 volte

STATO CIVILE - IL CASO – Iscrizione anagrafica di minore nato all’estero – Dubbi sulla filiazione e sulla procedura applicabile

E' corretto inviare documentazione alla Procura prima di procedere alla trascrizione? Se l’atto non fosse trascrivibile, come regolarizzare anagraficamente la posizione del minore che si trova sul nostro territorio?
comunicazaione

Un cittadino allo sportello chiede l’iscrizione anagrafica del bimbo avuto con la moglie (entrambi italiani e residenti…) e nato il mese scorso in Ucraina. Ha in mano un titolo di viaggio provvisorio ETD del minore con scadenza imminente e un estratto di nascita dello Stato civile di Kiev tradotto e apostillato. Nient’altro. Non chiede la trascrizione dell’atto di nascita perché riferisce che provvederà l’Ambasciata ad inviarne la richiesta.
Gli spieghiamo che l’iscrizione anagrafica sarà perfezionata dopo la trascrizione dell’atto di nascita (con decorrenza dalla data di nascita) e restiamo in attesa della comunicazione dell’Ambasciata. Dopo qualche ora arriva la PEC dall’Ambasciata d’Italia a Kiev, con l’atto formalmente regolare per la trascrizione (traduzione ufficiale, apostilla, ecc). Però l’oggetto della lettera dell’ambasciata non è “Per la trascrizione dell’atto…” ma “Segnalazione di ipotesi di reato…” e la lettera di trasmissione (allegato 1) descrive bene la situazione.
Ora: cosa facciamo con l’atto di nascita?
– Non possiamo proprio trascriverlo perché c’è l’esplicita segnalazione di un ipotesi di un reato che renderebbe l’atto contrario all’ordine pubblico e quindi non trascrivibile e dobbiamo aspettare… cosa? … una comunicazione della Procura?
– Dobbiamo invece trascriverlo (e registrare il neonato in anagrafe), perché l’Ambasciata ci ha trasmesso l’atto (formalmente regolare) ai sensi dell’art. 17 d.P.R. 396/2000 e non compete all’Ufficiale dello s.c. accertare e stabilire questo tipo di irregolarità? (innocente fino a prova contraria).
– Entrambe le soluzioni porterebbero a conseguenze giuridicamente rilevanti, per cui è corretto inviare alla Procura, prima di procedere alla trascrizione, una nota come quella che si allega (allegato 2)?
– Se l’atto non fosse trascrivibile, come regolarizzare anagraficamente la posizione del minore che si trova sul nostro territorio? (l’ETD è già scaduto).

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>