Questo articolo è stato letto 169 volte

POLIZIA MORTUARIA - Concessione cimiteriale – Sepolcro – Fondatore – Collaterali

cappella

Per giurisprudenza costante si afferma che, purché non risulti una espressa contraria volontà del fondatore del sepolcro, tutti coloro che, come anche i collaterali, sono a lui legati da vincoli di sangue, devono essere ritenuti componenti della famiglia, determinandosi, tra i vari titolari, una comunione indivisibile con la conseguenza che resta escluso ogni potere di disposizione del diritto da parte di taluni soltanto di essi ed anche dello stesso fondatore, così come il potere di alcuno dei titolari di vietare, consentire o condizionare l’esercizio dello ius inferendi in sepulchrum spettante agli altri contitolari.

>> Continua a leggere la sentenza

 

PER APPROFONDIRE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>