Questo articolo è stato letto 36 volte

STATISTICA - Atlante statistico dei comuni. Edizione 2019

La quarta edizione dell’Atlante Statistico dei Comuni viene oggi arricchita con nuove funzionalità, nuovi dati e nuove partizioni territoriali nel database dei dati comunali

statistica

La quarta edizione dell’Atlante Statistico dei Comuni – pubblicata il 15 febbraio 2019 su una nuova piattaforma web e con una veste grafica aggiornata – viene oggi arricchita con nuove funzionalità, nuovi dati e nuove partizioni territoriali nel database dei dati comunali.

Le informazioni statistiche, prodotte sia dall’Istat sia da altri Enti appartenenti al Sistema statistico nazionale, sono articolate in 16 aree e oltre 40 sotto-aree tematiche cui corrispondono più di 400 variabili statistiche comunali (declinabili per sesso, età, attività economiche, ecc.). Ogni serie di dati (al momento circa 150 in tutto) è poi arricchita da una raccolta di metadati che guidano l’utente verso una corretta lettura e interpretazione dei contenuti.

I dati possono essere aggregati e consultati secondo varie geografie territoriali: amministrative (Regioni, Province, Città metropolitane, Comuni, Comuni capoluogo); a livello europeo (le quattro articolazioni previste dal Regolamento NUTS); funzionali nazionali ed europee (Sistemi locali del lavoro, distretti industriali, Functional Urban Areas); morfologiche (litoraneità, zona altimetrica, grado di urbanizzazione).

Le partizioni territoriali disponibili, documentate dal geo-glossario, possono essere liberamente selezionate attraverso opportuni filtri. Fondamentali sono anche il supporto cartografico che consente sia la rappresentazione su mappa delle statistiche consultate, sia la selezione a video di particolari porzioni di territorio di interesse dell’utente.

L’Atlante Statistico dei Comuni è uno dei prodotti previsti dalla Convenzione stipulata tra l’Istat e l’Autorità di Gestione del PON “Governance e Capacità istituzionale 2014-2020”, relativa all’attuazione del Progetto Informazione statistica territoriale e settoriale per le politiche di coesione 2014-2020, che vede nel ruolo di soggetti proponenti l’Istat, il Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Agenzia per la Coesione Territoriale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>