MAGGIOLI EDITORE - Servizidemografici.com


PagoPA: la circolare dell'Agid sull'utilizzo del logo

“Da oggi Il sistema dei pagamenti della Pubblica Amministrazione ha un suo marchio distintivo che tutte le amministrazioni, gestori di pubblici servizi e prestatori di servizi di pagamento aderenti utilizzeranno per comunicare la propria appartenenza al sistema” Si legge sul sito dell’Agid che ha pubblicato la circolare n. 1 del 6.2.2015 pere definire le regole per il rilascio e l’uso del logo PagoPA

In breve, si tratta di un logo distintivo che tutte le amministrazioni, gestori di pubblici servizi e prestatori di servizi di pagamento aderenti (banche, poste e altri PSP) utilizzeranno per comunicare la propria appartenenza al sistema. Sarà così più facile per tutti riconoscere subito dove poter utilizzare il sistema dei pagamenti della PA.

Il logo: finalita’ e obiettivi

Quella del marchio PagoPA è una registrazione di marchio collettivo, ossia di un marchio il cui uso può essere concesso a soggetti che siano adeguati all’erogazione di servizi coerenti e in linea con il marchio stesso.

L’obiettivo primario è quindi l’agevolazione per il pagatore: il logo deve servire per fare comprendere all’utenza con più immediatezza e facilità se un soggetto pubblico – in qualità di beneficiario – oppure un soggetto privato – in qualità di prestatore di servizi di pagamento – sia aderente al Sistema.

Per pubblicizzare i nuovi servizi elettronici di pagamento, le pubbliche amministrazioni, i gestori di pubblici servizi e i prestatori di pagamento, potranno esibire sui propri siti web e/o sportelli il logo PagoPA al fine di promuovere i servizi di pagamento elettronici messi a disposizione di cittadini e imprese.

Procedura per il rilascio di licenza d’uso del logo

L’Agenzia per l’Italia Digitale concede in uso il logo ai soggetti che abbiano aderito al Sistema, e segnatamente:

a) alle pubbliche amministrazioni che abbiano sottoscritto con l’Agenzia per l’Italia Digitale un protocollo di adesione al Sistema;
b) alle pubbliche amministrazioni o ai gestori di pubblici servizi che abbiano inviato all’Agenzia per l’Italia Digitale la lettera di adesione al Sistema debitamente sottoscritta;
c) ai prestatori di servizi di pagamento che abbiano sottoscritto con l’Agenzia per l’Italia Digitale l’accordo di servizio per l’adesione al Sistema;
d) a terzi che non rientrano nelle tipologie soggettive di cui alle precedenti lett. a), b) e c) specificamente individuati.

Per l’adesione al Sistema le pubbliche amministrazioni sono chiamate a compilare il modulo di adesione disponibile sul sito dell’AgID per adempiere agli obblighi di legge di cui al combinato disposto dell’articolo 5 del CAD e dell’articolo 15, comma 5bis del D.L. n. 179/2012. Una volta completata la procedura di adesione, l’Agenzia renderà disponibile quanto necessario per l’uso del logo PagoPA.

(Fonte www.pionero.it)


_