CITTADINI STRANIERI - Richiesta di visto d’ingresso turistico – rischio migratorio – elementi di valutazione – legittimità del provvedimento di diniego – va affermata

Non è censurabile il provvedimento di diniego del visto d’ingresso turistico, alla luce della valutazione del rischio migratorio effettuata dall’amministrazione, laddove la stessa abbia ricontrato l’assenza di adeguate condizioni economiche (mancanza di mezzi propri di sostentamento e proprietà nel Paese d’origine), oltre che di uno status familiare compatibile con l’intenzione di non rientrare nel Paese d’origine.

TAR LAZIO 18/7/2016, n. 8201

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.