ANAGRAFE- STATO CIVILE - Le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà

Le caratteristiche della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

Fatte salve le eccezioni espressamente previste dalla legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i gestori di pubblici servizi, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non compresi nel novero delle dichiarazioni sostitutive di certificazione sono comprovati dall’interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (vedi Appendice alla Parte 2 – Modulistica, modello 8).
La dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà può riguardare:
a) stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell’interessato;
b) stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui l’interessato abbia diretta conoscenza.
In ogni caso i fatti, stati o qualità personali, che integrano il contenuto delle dichiarazioni sostitutive, sono soltanto quelli di cui l’interessato ha conoscenza diretta e non anche quelli dei quali abbia conoscenza per il tramite di terzi.
La dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà può essere resa con l’osservanza delle modalità di cui all’articolo 38 del d.P.R. n. 445/2000, ossia:
– sottoscritta dall’interessato in presenza del dipendente addetto;
oppure
– sottoscritta in separata sede e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.

>> CONTINUA A LEGGERE

Per approfondimenti:

[libprof code=”25″ mode=”inline”]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.