Questo articolo è stato letto 190 volte

Test di lingua italiana per i lungosoggiornanti: i dati del ministero dell'interno

Test di lingua italiana per i lungosoggiornanti: i dati del ministero dell’interno

Alla data del 26 agosto 2015 sono state 784.591 le richieste di test di conoscenza della lingua italiana, debitamente inviate on line, dagli stranieri interessati a richiedere il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Le 406 sedi attrezzate in tutta Italia per tale scopo hanno consentito di attivare 23.245 sessioni di test e di convocare 737.805 stranieri. Di questi, sono stati 553.900 a presentarsi, con esiti positivi per 440.021, mentre non risultano aver superato il test in 113.879. Gli assenti giustificati al test sono stati 8.772, gli assenti ingiustificati 53.168. I non ammessi risultano complessivamente 1.315.
La prefettura più impegnata è stata Milano con 70.866 convocazioni, seguita da Roma con 53.841, da Brescia con 30.552, Bologna con 21.264, Bergamo con 19.973 e Firenze con 19.518. Il minor numero di richieste del test si riferisce a Enna (246), che registra anche il minor numero di convocazioni (237). I dati elaborati dalla Direzione centrale per le politiche dell’immigrazione e dell’asilo e dall’Ufficio VI del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione relativamente alle convocazioni, alle presenze effettive ed agli esiti degli esami di lingua italiana sono disponibili anche su base regionale.

Il procedimento in sintesi test italiano
L’istanza presentata on line viene acquisita dal sistema informatico del Ministero dell’interno e trasferita alla prefettura competente. Se la domanda risulta regolare, la prefettura convoca il richiedente entro 60 giorni dall’istanza, sempre per via telematica, indicando giorno, ora e luogo del test. In caso di irregolarità o mancanza di requisiti il sistema genera automaticamente e invia al richiedente una comunicazione con l’indicazione dei requisiti mancanti per consentire la rettifica delle informazioni. Se l’esito del test è negativo, lo straniero può ripetere la prova ed effettuare un’altra richiesta telematica. Se l’esito del test è positivo, lo straniero può presentare alla Questura la domanda di rilascio del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo.
Il richiedente che compila e inoltra la domanda ha a disposizione un servizio di assistenza (help-desk) che può contattare tramite un indirizzo e-mail indicato nel sito http://testitaliano.interno.it.
Il risultato del test, consultabile da parte del richiedente sul medesimo sito http://testitaliano.interno.it, viene inserito nel sistema a cura della prefettura competente, che lo mette a disposizione attraverso web service alla questura per le verifiche finalizzate al rilascio del permesso di soggiorno di lungo periodo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>