Questo articolo è stato letto 2 volte

Referendum popolari in vista del trasferimento di comuni da una ad altra regione

Referendum popolari in vista del trasferimento di comuni da una ad altra regione

Per domenica 31.8.2014, con d.P.R. 5.6.2014, sono stati convocati i comizi elettorali per il referendum popolare sulla richiesta di distacco del comune di Voltago Agordino dalla regione Veneto e la sua aggregazione alla regione Trentino-Alto Adige/Südtirol. Con d.P.R. 4.7.2014, invece, per la medesima data (31.8.2014) sono stati indetti i comizi elettorali relativi al referendum popolare per il distacco del comune di Auronzo di Cadore dalla regione Veneto e la sua aggregazione alla regione Trentino-Alto Adige/Südtirol.
 
Il 7.7.2014 sono stati presentati alla cancelleria della Corte di Cassazione gli atti (dichiarazioni) relative ad una P.l.i.p. dal titolo: “Espropriazione istituti bancari MPS e Carige Spa. Istituzione Ente Bancario Italiano, al fine di garantire accesso al credito a cittadini ed imprese e contenimento dei tassi di interesse dei titoli di stato. Attuazione art 123 TUE.“, ma altresì alcuni referendum popolari abrogativi, il 1° sul quesito: “Volete Voi che sia abrogato l’art. 1 del decreto legge n. 120 del 15 ottobre 2013 convertito in legge 13 dicembre 2013, n. 137 pubblicata su G.U. n. 293 del 14.12.2013, titolata “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 ottobre 2013, n. 120, recante misure urgenti di riequilibrio della finanza pubblica nonché in materia di immigrazione”?”, il 2° sul quesito: “Volete Voi che sia abrogata la Legge 27 febbraio 1998, n. 30 dal titolo “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 1997, n. 457, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo del settore dei trasporti e l’incremento dell’occupazione” pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 1998 limitatamente al testo di conversione all’articolo 3 punto 1, dopo la virgola la dicitura “dei singoli Stati membri” e limitatamente al punto 2, qui di seguito riportato “Il rapporto di lavoro del personale non comunitario non residente nell’Unione europea, imbarcato a bordo delle navi iscritte nel Registro internazionale, è regolamentato dalla legge scelta dalle parti e comunque nel rispetto delle convenzioni OIL in materia di lavoro marittimo”?” , il 3° quesito sul quesito: “Volete Voi che sia abrogato il R.D. 16 marzo 1942, n. 262 – Approvazione del testo del Codice Civile, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, n. 79 del 4 aprile 1942 limitatamente all’art. 1853, qui di seguito riportato: “Compensazione tra i saldi di più rapporti o più conti. Se tra la banca e il correntista esistono più rapporti o più conti, ancorché in monete differenti, i saldi attivi e passivi si compensano reciprocamente, salvo patto contrario”?”, il 4° quesito sul quesito: “Volete Voi che sia abrogato l’art. 31 del decreto legge n. 91 del 24 giugno 2014, pubblicato sulla GU Serie Generale n. 144 del 24.6.2014, titolato “Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea”?”: Su questo ultimo referendum popolare, si osserva come abbia ad oggetto l’abrogazione di una norma contenuta in d.l., ancora in corso di conversione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>