Questo articolo è stato letto 673 volte

STATO CIVILE - Quando il sindaco firma l’atto di stato civile

comunicazione2png

Tra i tanti avvenimenti che hanno caratterizzato il mese di aprile, sicuramente gli operatori dei servizi demografici – e non solo loro! – saranno stati colpiti dalla decisione del sindaco di Torino di consentire la denuncia di nascita e contestuale filiazione da parte di due donne: il grande risalto che è stato dato dai media, i dibattiti che si sono visti in televisione e commenti sui giornali, erano dovuti non solo al fatto che si trattava del primo caso di registrazione di nascita avvenuta in Italia con genitorialità attribuita a persone dello stesso, ma anche al fatto che il nostro ordinamento non consente tale ipotesi che appare dunque in palese contrasto con la normativa vigente

>> Continua a leggere l’articolo

 

Articolo tratto dalla Rivista I Servizi Demografici

 

servizi-demografici_1

Mensile professionale per i servizi di anagrafe, stato civile, elettorale, leva, statistica ed informatica

>> Vai alla scheda tecnica

>> Vedi il sommario dell’ultimo numero

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>