Questo articolo è stato letto 4 volte

SENZA CATEGORIA - Pareggio di bilancio come principio costituzionale

Pareggio di bilancio come principio costituzionale

In 11 mesi è stata approvata la L. Cost. 20/4/2012, n. 1 con cui è stato introdotto nella Costituzione il principio di pareggio di bilancio; oltretutto l’approvazione è avvenuta con la maggioranza dei 2/3, con il ché è escluso che possa essere sottoposta a referendum popolare.
Senza entra nel merito (vi è stato chi ha affermato come il 1° Barone Keynes di Tilton, John Maynard Keynes, sia stato “espunto” dalla Costituzione italiana; per altro, non è questa la sede per discettazioni sulle grandi correnti del pensiero economico), va osservato come l’art. 2 L. Cost. 20/4/2012, n. 1 anteponga, al primo, un comma che poteva essere invece postoposto al comma 1, potendosi considerare che il suo contenuto costituisca una specificazione di uno dei 2 principi affermati all’art. 97, 1 Cost., cioè una specificazione del principio del buon andamento.
L’art. 3 “sposta”, per così dire, una materia dalle competenze legislative delle regioni nell’ambito della competenza legislativa, esclusiva, dello Stato, materia che, sinceramente, poco appariva coerente in quell’ambito.
L’art. 5 è più attuativo delle modifiche costituzionali così apportate che non a sua volta di revisione della Costituzione, mentre l’art. 6, finale, fissa all’esercizio finanziario 2014 la decorrenza dell’applicazione del principio del pareggio di bilancio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>