Questo articolo è stato letto 2 volte

Matrimoni gay: Strasburgo condanna l’Italia per non aver ancora legiferato

Matrimoni gay: Strasburgo condanna l’Italia per non aver ancora legiferato

L’Italia viola il diritto al rispetto per la vita familiare non legalizzando le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

La Corte di Strasburgo per i diritti umani ha così condannato l’Italia per non aver ancora introdotto una legge per il riconoscimento dei matrimoni gay. La Corte spiega che: “la protezione legale attualmente disponibile per le coppie dello stesso sesso in Italia non solo non provvede alle necessità fondamentali di una coppia in una relazione stabile, ma non è neanche sufficientemente affidabile”.

La “sentenza di Camera” odierna non è comunque definitiva, perché entro tre mesi dal pronunciamento l’Italia può chiedere che la causa venga portata davanti alla “Grande Camera”, composta da cinque giudici che potrebbero riaprire il caso. Una volta giunti a sentenza finale, tocca al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa farla applicare.

A fare ricorso furono tre coppie omosessuali tra il 2008 e il 2011 chiedendo alle autorità italiane di legalizzare la propria unione, ottenendo un rifiuto, nonostante una sentenza della Corte Costituzionale del 2010 indicasse al Parlamento la necessità di provvedere a riconoscere le unioni omosessuali.

Lo Stato italiano dovrà anche risarcire a ognuno di loro 5 mila euro per danni morali.

Secondo i giudici è l’articolo 8 della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo che tutela le coppie omosessuali che hanno relazioni stabili e vivono insieme conducendo “vita familiare”. E in base a questo, i giudici ritengono che l’Italia, come hanno già fatto 24 dei 47 paesi del Consiglio d’Europa, debba riconoscere ufficialmente le coppie omosessuali.

La proposta di legge da parte del Pd in Parlamento c’è, ma è avversata dalle correnti cattoliche e di destra. Da oggi però la questione non è più opinabile.

Leggi il comunicato stampa con estratti della sentenza diffuso dall’Avv. Alexander Shuster che ha seguito la causa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>