Questo articolo è stato letto 520 volte

STATO CIVILE - IL CASO – Matrimonio all’estero – Regime patrimoniale opposto a quello previsto dal nostro ordinamento – Soluzione

Nel 2016 è stato trascritto nei ns. registri di stato civile un atto di matrimonio celebrato all’estero: sposo ns. residente, sposa residente all’estero
comunicazaione

Nel 2016 è stato trascritto nei ns. registri di stato civile un atto di matrimonio celebrato all’estero: sposo ns. residente, sposa residente all’estero e cittadina straniera.
Ora gli sposi ci chiedono un estratto di matrimonio dal quale dovrebbe risultare la separazione dei beni.
Dall’esame della copia integrale che ci è stata trasmessa per la trascrizione non ci risulta comparire nulla in merito; c’è solo una frase che a ns. interpretazione informa gli sposi della possibilità di atto separato per la gestione dei beni. La sposa sostiene che con questa dicitura risulta già intesa la separazione dei beni. Se così fosse, come possiamo dichiarare sul ns. atto la separazione dei beni?

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>