Questo articolo è stato letto 237 volte

POLIZIA MORTUARIA - Gli impianti cimiteriali obbligatori a livello del comune

sepolcro

Articolo di Sereno Scolaro

Gli impianti cimiteriali che ogni comune deve avere sono dati, in primo luogo, dal cimitero stesso, anche se gestito in forma “consortile”, per i piccoli comuni, nonché:
– l’area cimiteriale, destinata alle sepolture a sistema di inumazione e di dimensionamento sufficiente,
– la recinzione del cimitero,
– il deposito di osservazione,
– l’obitorio, che, eccezionalmente, nei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti può essere promiscuo, cioè a duplice funzionalità, utilizzandosi i medesimi locali, con il deposito di osservazione, mentre negli altri comuni le due tipologie di locali e loro destinazioni devono sempre essere distinti,
– le celle frigorifere, ma solo nel caso in cui l’ASL abbia individuato, con proprio atto, il comune come soggetto all’obbligo di dotarsene, a termini dell’art. 15 d.P.R. 10 settembre 1990, n. 285.

>> Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento su “Gli impianti cimiteriali obbligatori a livello del comune

  1. Alla scadenza di un loculo, se la salma non è mineralizzata, diventa obbligatoria la cremazione in quanto nel cimitero non esiste un campo addetto alla inumazione in terra per altri 5 anni. Ma è legale? Questo avviene nel cimitero di Porto Fiumicino (RM).
    Grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>