Questo articolo è stato letto 19 volte

Elezioni, pasti ai militari in servizio ai seggi, annullamento di deliberazione comunale: chiamala, se vuoi, tempestività … decisionale

Elezioni, pasti ai militari in servizio ai seggi, annullamento di deliberazione comunale: chiamala, se vuoi, tempestività … decisionale

Con sent. n. 550 del 28/3/2013 della Sez. 1^ il T.A.R. per la regione Liguria ha dichiarato improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse (la  parte ricorrente aveva dichiarato la venuta mento dell’interesse alla prosecuzione della lite) il ricorso n. 18 del 1990 (proprio: 1990!) proposto dal comune di Bordighera contro la regione Liguria, per ottenere (nel 1990 …), l’annullamento dell’ordinanza Co.Re.Co. di annullamento di una delibera inerente liquidazione, in sanatoria, di fatture relative alla fornitura di pasti ai militari addetti ai seggi elettorali.
23 anni per decidere di non decidere è proprio un buon esempio di applicazione dei criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza (art. 1 L. 7/8/1990, n. 241), anche se il procedimento amministrativo (riguardante le P.A.) non è proprio il processo amministrativo, regolato, a 20 anni dal ricorso, dal C.P.A., D. Lgs. 2/7/2010, n. 104 (e succ. (numerosissime, ormai) modif.).

Vedi:
TAR Liguria sez. I 28/3/2013 n. 550

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>