Questo articolo è stato letto 3 volte

SENZA CATEGORIA - Cittadinanza: può essere denegata alle "spie"

Cittadinanza: può essere denegata alle “spie”

Il Consiglio di Stato, Sez. 3^, sent. n. 6289 del 28/11/2011 ha dichiarato legittimo il rigetto della richiesta di concessione della cittadinanza italiana opposta dal Ministro dell’Interno ed avente fondamento su una nota informativa riservata (data la materia, non potrebbe essere stato altrimenti) dalla quale emerge che a carico del ricorrente sussistevano segnalazioni in merito a relazioni con servizi informativi esteri, svolgimento di traffici illeciti con organizzazioni estere mediante fittizie imprese commerciali, condanna per emissione di assegni a vuoto e un procedimento penale pendente per violazione della legge sugli stupefacenti.
In circostante siffatte, invero, non può rinvenirsi alcun difetto di istruttoria e motivazione dell’atto recettivo del Ministero, in quanto le notizie apprese risultano pervenute dagli organismi preposti ai servizi di sicurezza dello Stato, ora regolati dalla L. 3/8/2007, n. 124 e, prima, dalla L. 24/10/1977, n. 801. Si tratta infatti di notizie di fonte ufficiale, raccolte e vagliate da detti organismi pubblici nell’esercizio delle loro funzioni istituzionali, per questo ragionevolmente credibili, considerato che essi sono specificamente preparati e attrezzati proprio per svolgere simili indagini.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>